Skip to content →

Ravenna gourmet

I voli di Baldovino 

VOLO ENOGASTRONOMICO:

L’EMILIA ROMAGNA E RAVENNA, LA STORIA DEL CIBO E DEL VINO REGIONALE RACCONTATO ATTRAVERSO LE NOSTRE ECCELLENZE.

Luogo: Enoteca Baldovino – Via Tombesi dall’Ova 9 (a due passi da piazza San Francesco).

Validità: tutti i giorni. Durata: 1 ora e 20 minuti.

Quota per persona: 18 euro, minimo 8 persone, massimo 20.

La quota include: Guida Turistica abilitata ed esperta in materia enogastronomica e degustazioni.

Baldovino – Enoteca di quartiere

Il “volo enogastronomico” è una panoramica storico culturale sulle tradizioni gastronomiche che hanno reso l’Emilia Romagna una eccellenza a livello mondiale.

Nella prima parte di questa indagine, andremo ad evidenziare quei momenti storici che hanno caratterizzato l’introduzione di alimenti nel nostro territorio, dimostrando come le basi della nostra cucina e dei nostri vini hanno radici antichissime.

Dopo questa introduzione passeremo alla degustazione di prodotti del territorio, pensati per poter sviluppare al meglio il discorso di abbinamento territoriale e di tradizione.

Partiremo quindi dai vini, notando come lo sviluppo della vite, in Emilia Romagna ha da sempre seguito la cucina del territorio, valorizzandola.

Il primo abbinamento sarà tra  uno spumante di Pignoletto dei Colli Bolognesi, una bolla ideale per accompagnare il re degli insaccati, tipico di quella città: La Mortadella, prodotto che affonda le radici direttamente nel periodo romano.

A seguire, rimarremo in Emilia, per parlare di un vitigno che ha scritto la storia agricola e industriale di questa regione e dell’Italia intera: il Lambrusco.

Assaggeremo il Lambrusco abbinato a un prodotto parmigiano che ci rende famosi in tutto il mondo, il prosciutto di Parma.

Spostandoci in Romagna parleremo dei suoi vini più famosi: il Sangiovese, e la storia della sua scoperta gustato con piadina e Squacquerone Dop e per finire in dolcezza, il vino preferito da Galla Placidia a cui si ricollega un simpatico aneddoto: Albana dolce abbinato agli scroccadenti, tipici biscotti secchi locali.


GLI AUTOCTONI DI ROMAGNA: VOLO ENOLOGICO ALLA SCOPERTA DEI NUOVI VITIGNI LOCALI.

Luogo: Enoteca Baldovino – Via Tombesi dall’Ova 9 (a due passi da piazza San Francesco).

Validità: tutti i giorni. Durata: 1 ora e 15 minuti.

Quota per persona: 20 euro, minimo 8 persone, massimo 20.

La quota include: Guida Turistica abilitata ed esperta in materia enogastronomica e degustazioni

Con questo “volo” faremo una panoramica sulla nuova vitivinicoltura regionale, quella che si è sviluppata in seguito alla scoperta di vitigni “autoctoni”.

Attraverso una degustazione guidata, scopriremo le caratteristiche di quattro vitigni recentemente saliti alla ribalta nel panorama enologico nazionale.

Cominceremo parlando delle principali aree produttive romagnole, evidenziando gli aspetti climatici e territoriali.

A seguire degusteremo il primo vino, uno spumante metodo classico ottenuto dal vitigno Grechetto Gentile, diffuso lungo tutto l’arco appenninico regionale e che nel riminese prende il nome di Rebula.

Procederemo poi con il Famoso, un  bianco aromatico riscoperto sulle colline cesenati, ma presente anche nella pianura ravennate; particolarmente piacevole e profumato.

Tra i rossi assaggeremo il Centesimino, detto anche Sauvignon Rosso un raro vitigno rosso aromatico che ha trovato il suo habitat ideale nelle colline faentine attorno a Oriolo dei Fichi.

L’ultimo dei quattro vini in degustazione, è il Bursòn, ottenuto da uve Longanesi, in onore della famiglia che l’ha scoperto, a metà ‘900 nel suo podere di Bagnacavallo, in provincia di Ravenna.

Grazie a quella scoperta, oggi, la pianura ravennate possiede un vitigno con caratteristiche polifenoliche uniche, superiori a qualsiasi altro vitigno mondiale, e che permette attraverso una attenta lavorazione di ottenere vini di eccellente qualità, al pari dei grandi rossi italiani.

La degustazione comprende quattro vini di alta qualità e a lato di questa sarà servito un piccolo spuntino con pane e salumi in abbinamento.