NOVITA’ E EVENTI

Montezuma Fontana Mirko. La scultura in mosaico dalle origini a oggi

MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna
7 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018

Una mostra originale ed affascinante che documenta il rapporto tra scultura e mosaico con capolavori di alcuni tra i protagonisti del Novecento italiano. In mostra sono presenti circa 140 opere, a partire dagli esempi “primitivi” mesoamericani, punto di riferimento per innestare il singolare corto circuito creativo tra scultura e mosaico, fino ad arrivare alle creazioni più recenti delle generazioni attuali, che lo impiegano in modo sempre più innovativo ed inatteso.

Scoprite la mostra con noi. Ingresso: intero € 6; ridotto € 5. Aperta tutti i giorni tranne il lunedì fino al 7 gennaio 2018.


Biblioteca Classense: visite guidate all’ex Monastero Camaldolese

Tra le più antiche in Italia, conserva un patrimonio librario inestimabile di circa 600 mila volumi tra cui codici, incunaboli e manoscritti e, in tal senso, è una delle Biblioteche più importanti a livello nazionale.
La collezione dantesca, che costituisce uno dei fondi più completi ed omogenei esistenti per quanto riguarda gli studi danteschi. Tra i codici è noto all’intero mondo culturale l’Aristofane un codice del X secolo che contiene le 11 commedie superstiti del noto commediografo greco. Tra i manoscritti ottocenteschi si ricorda il carteggio tra il poeta inglese Lord Byron e la contessa Teresa Gamba Guiccioli, cui si aggiungono vari cimeli e ricordi legati all’appassionata storia d’amore.
La Biblioteca sorge all’interno dell’ex Monastero dei monaci camaldolesi di Classe (ramo dell’ordine benedettino). La fabbrica del Monastero inizia nel 1512, all’indomani della Battaglia di Ravenna, e prosegue per ben 300 anni.
Scopriremo la storia del fondatore dei camaldolesi, San Romualdo, nato a Ravenna da nobile famiglia nel lontano 952, che fu eremita, predicatore, maestro, consigliere di imperatori. La sua vita fu una ricerca continua.
Conosceremo i luoghi più suggestivi e meglio conservati dell’ex Monastero dove i camaldolesi vivevano in comunità: i due eleganti chiostri, il vestibolo e il Refettorio dei monaci, oggi Sala Dantesca perché vi si svolge abitualmente, dal 1921, il ciclo annuale delle Lecturae Dantis, e infine l’Aula Magna, ovvero l’antica libreria camaldolese, un prezioso gioiello dell’arte barocca.

Visite su prenotazione per gruppi (minimo 10 pax). La durata della visita è di circa 1 ora e non sono previsti ingressi a pagamento. 


Lord Byron tra Venezia e Ravenna. Teresa… l’ultima passione

6 giorni – 5 notti. Data di partenza: primavera 2018

Lord Byron: la sua poesia fu considerata la quintessenza del romanticismo. Nel 1817 si trasferì a Venezia e proprio lì, nel 1819, conobbe la giovane contessa Teresa Gamba Guiccioli, di cui s’innamorò perdutamente. In questo itinerario, tra Venezia e Ravenna, seguiremo il Poeta inglese nel suo viaggio italiano. Ritroveremo i luoghi e le suggestioni del suo amore per Teresa. Conosceremo le opere e la stima per Dante Alighieri a cui dedicò nel 1821 “La profezia di Dante”, poemetto in terza rima.

“Amore. In questa parola, bellissima in tutte le lingue, ma soprattutto nella tua – Amor mio – è compresa la mia esistenza qui e dopo. Io sento che esisto qui, e sento che esisterò dopo, per quale scopo lo deciderai tu; il mio destino riposa con te”
(da una lettera di Lord Byron a Teresa).

Scopri di più!!!


Il parco archeologico di Classe

Inaugurato da luglio 2015. Scoprilo con noi!

L’Antico Porto di Classe è un’area archeologica, situata a circa 4 chilometri dal centro storico di Ravenna, che offre una visuale approssimativamente sincronica dell’impianto generale delle strade e degli edifici portuali sorti nel V-VI secolo, epoca di massimo splendore e sviluppo dello scalo commerciale.

Il sito dell’Antico Porto si trova in un punto cruciale del sito di Classe: l’imboccatura del porto–canale antico, quell’ampia rottura di duna che alimentava l’intera laguna, che comprende parte dell’isola ed il quartiere commerciale che si affacciava sulla sponda sud del canale.

Ed è qui che Ottaviano Augusto verso la fine del I secolo a.C. fece costruire gli imponenti moli foranei che consentivano alle navi l’accesso dal mare.

Il percorso, sviluppato su una superficie di circa 10.000 metri quadrati, propone i luoghi quotidianamente frequentati da coloro che lavoravano nei magazzini o arrivavano via mare attraccando al porto, immergendo i visitatori all’interno dello scavo archeologico.

Ingresso: € 4 (tariffa ridotta valida per i gruppi accompagnati dal nostro staff); gratuito under 18 e persone disabili.

Antico Porto di Classe – via Marabina 7    www.parcoarcheologicodiclasse.it


Teatro Alighieri

Il grande Teatro di tradizione Dante Alighieri si apre alle visite al pubblico. Inaugurato nel 1852 su progetto dei giovani architetti veneziani Tomaso e Giovan Battista Meduna, che avevano recentemente curato il restauro del Teatro alla Fenice di Venezia, è un edificio di impianto neoclassico, non dissimile dal modello veneziano.

Molti artisti e personalità di fama mondiale si sono esibiti qui: da Gabriele D’Annunzio a Maria Callas a Rajna Kabaivanska.

Il teatro è stato la punta di diamante della scena culturale di Ravenna per due secoli. Grazie ad un programma artistico denso e variegato di concerti, danza, prosa, opera e musica da camera, è il terzo “teatro di tradizione” in Italia. Tale riconoscimento è di solito concesso ai teatri che si impegnano nello sviluppo delle tradizioni artistiche e musicali locali.

Ingresso: intero € 4; ridotto € 3 (under 18 – over 65 – gruppi min. 10 pax – universitari).

Il biglietto di ingresso permette di acquistare biglietti a tariffa ridotta per gli spettacoli teatrali in programmazione.

www.teatroalighieri.org

www.ravennafestival.org