I terribili Rasponi

Storia di una nobile famiglia tra cinquecento e novecento

Antica e nobile famiglia dalle origini incerte, i Rasponi si sono affacciati alla ribalta della scena politica e sociale ravennate dalla fine del 1300 per prendere il posto dei Da Polenta. Potenti e numerosi, i Rasponi fino al Settecento erano divisi in ben 8 rami.

Nel medioevo hanno sostenuto i ghibellini, conseguendo forti titoli onorifici. Il titolo comitale, ad esempio, gli è stato attribuito dall’Imperatore Federico III nel 1469.

Aderendo poi al partito guelfo, hanno ricevuto dai papi altrettante onorificenze, potere e prestigio.

Nel ‘500, i Rasponi si sono macchiati di diversi delitti, nell’abuso del loro potere, accompagnati da saccheggi e devastazioni di beni, tanto che alcuni esponenti della nobile famiglia sono stati cacciati in esilio.

Atrio Palazzo Rasponi Dalle Teste

Questo uso spregiudicato del potere, spesso avallato dal beneplacito della Chiesa, li portò ad essere nel ‘500 i veri padroni della città.

La potente famiglia Rasponi, attraverso i secoli, ha accumulato case, palazzi, casini da caccia, castelli e rocche in un contesto difficilmente superato da altre nobiltà. Tra i suoi membri si annoverano cardinali, condottieri, accademici, ma anche criminali e scialacquatori di patrimoni.

Con questa visita, sarà possibile ripercorre le principali vicende di questa nobile famiglia, attraverso i numerosi palazzi che ancora oggi costellano gran parte del centro storico della città.

Itinerario in esterno senza ingressi a pagamento. Durante il periodo di apertura della Cripta Rasponi, l’unico ingresso previsto è quello per accedere alla Cripta: € 1 a persona.

Illustrazione di Gugù Rasponi del Sale